REFORCYL®-AION - Garb’Ageing Clean-Up

INCI: Propanediol, Aqua, Cucurbita Pepo Seed Extract, Citric Acid


La teoria dell'accumulo di rifiuti nell'invecchiamento (concetto racchiuso dal termine "garb’ageing") propone che molecole danneggiate, organelli disfunzionali e altri compartimenti cellulari difettosi possano causare invecchiamento e disfunzioni cellulari.

Il modo migliore di prevenire il garb’ageing è rimuovere i componenti cellulari inutilizzati, danneggiati e disfunzionali, per mezzo del sofisticato processo di gestione dei rifiuti chiamato autofagia.

L'autofagia è un processo essenziale per il mantenimento dell'omeostasi cellulare e di una sana funzionalità cellulare. Questo processo cellulare elimina dal citoplasma i patogeni intracellulari, il materiale tossico e i componenti cellulari anormali e disfunzionali. Inoltre è in grado di prolungare la sopravvivenza della cellula anche in situazioni di stress. Il riciclo e riuso di proteine ​​intracellulari e di organelli danneggiati possono fornire abbastanza energia per sopravvivere, ringiovanire e rivitalizzare le cellule. L'autofagia può essere indotto da trigger sia intrinseci che estrinseci, come privazione di nutrienti, lo stress o alcune perturbazioni metaboliche.

La macroautofagia, la principale forma di autofagia, richiede la formazione de novo di autofagosomi, le strutture chiave del processo. Nella formazione di queste vescicole, costituite da membrane a doppio strato, sono coinvolti l'apparato del Golgi, i mitocondri, il reticolo endoplasmatico e la membrana plasmatica.

Durante l'autofagia, quasi tutto l'apparato del Golgi è disassemblato in modo reversibile a favore della formazione dell'autofagosoma. La struttura a doppia membrana si avvolge attorno ai rifiuti e li sigilla all'interno, successivamente gli autofagosomi si fondono con i lisosomi, i quali provocano la degradazione enzimatica del contenuto. La proteina LC3A è responsabile per la corretta fusione degli autofagosomi con i lisosomi.

 

L'efficienza dei sistemi di smaltimento dei rifiuti cellulari si deteriora nel tempo e questo può causare problemi in tutte le cellule, comprese quelle della pelle. È stato osservato che l'autofagia diminuisce anche del 78% nei fibroblasti invecchiati. In generale, l'invecchiamento comporta un aumento dell'accumulo intracellulare di rifiuti.

A loro volta, molecole danneggiate, organelli disfunzionali e altri comparti cellulari alterati possono causare l'invecchiamento cellulare. I cheratinociti ed i fibroblasti, le più importanti cellule della pelle, perdono la loro identità funzionale e questo, a sua volta, si traduce nella compromissione della barriera cutanea e nella perdita di compattezza ed elasticità della pelle.

L'invecchiamento cronologico ed uno stile di vita non sano sono noti fattori che inibiscono l'autofagia.

La stimolazione dell'autofagia può rappresentare una strategia eccellente per contrastare il garb’ageing e, quindi, rallentare l'invecchiamento e disintossicare la pelle dall'interno.

È qui che interviene REFORCYL®-AION, infatti, i suoi potenti ingredienti (spermidina/ spermina, amminoacidi e saccaridi - incluso il saccarosio) sono in grado di indurre l'autofagia, di fornire alle cellule ottimali nutrienti e di ringiovanire e disintossicare le cellule.

REFORCYL®-AION deriva da una varietà particolare di zucca (Cucurbita pepo var. styriaca) originaria della regione Stiria in Austria. I suoi particolari semi senza guscio, accuratamente selezionati tra semi provenienti da coltivazioni biologiche tradizionali, vengono utilizzati per la produzione di olio di zucca di altissima qualità. Dai residui di tale spremitura si ottiene un estratto acquoso ricco di componenti bioattivi: aminoacidi liberi (tra cui carbossipirrolidina e cucurbitina), poliammine (spermidina e spermina), polifenoli, varie proteine ​​e carboidrati. È importante sapere che spermidina e spermina sono elementi importanti per la crescita cellulare e il metabolismo, oltre ad essere in grado di indurre l'autofagia.


RAHN dà la massima importanza ai bisogni dei clienti e alla eco-sostenibilità dei suoi prodotti. Per questo non solo ha creato un nuovo attivo climate-neutral ma ha anche applicato i principi dell'economia circolare.

La figura sottostante mostra il ciclo di produzione chiuso e sostenibile del Cucurbita pepo var. styriaca.


Le emissioni di CO2 generate dal processo produttivo dell'estratto di Cucurbita pepo var. styriaca è stato calcolato ed è compensato da due progetti climate-friendly: un progetto forestale regionale in Svizzera e un progetto idroelettrico situato nell'habitat dei gorilla di montagna nella Repubblica Democratica del Congo.

 

REFORCYL®-AION agisce stimolando il processo di formazione di vescicole, mediante il disassemblamento dell'apparato del Golgi. REFORCYL®-AION assicura che i mitocondri siano in salute ed in grado di fornire sufficiente energia per il corretto funzionamento del processo autofagico. Infatti, il principio attivo stimola la fusione di mitocondri per formare una rete ricca di energia e connessa. Aspetto fondamentale, dal momento che l' autofagia è un processo che richiede molta energia e che i mitocondri sono le riserve di energia delle cellule. REFORCYL®-AION aumenta anche l'espressione della proteina LC3A , la quale permette ai lisosomi di riconoscere gli autofagosomi e quindi di degradare i rifiuti.

EFFETTI SCIENTIFICAMENTE PROVATI

  • Induce l'autofagia mediante upregulation di LC3A (studio in-vitro)
  • Induce autofagia in condizioni normali e rinforza la resistenza e l'integrità dei mitocondri in condizioni di stress (studio in-vitro)
  • Dona un aspetto rinnovato alla pelle matura (studio in-vivo)

Climate-neutral e conforme ai principi di economia circolare, REFORCYL®-AION è l'attivo che contrasta il garb’ageing e permette alla pelle di ringiovanire e disintossicarsi dall'interno.